LAMBORGHINI

Uomo impetuoso e tenace è animato da un'unica passione: quella per i motori e le macchine. Nel primo dopoguerra fondò la sua fabbrica di trattori che diventò un vero e proprio riferimento nel settore. All'inizio degli anni Sessanta, Ferruccio Lamborghini era un uomo di successo. Un giorno disse che avrebbe fabbricato la migliore automobile supersportiva di sempre, molti pensano che fosse impazzito e che questa stravagante impresa non avrebbe portato alcun profitto. Ma come ben sappiamo, le idee migliori non nascono dalla ragione, ma bensi da una lucida e visionaria follia.

L'EREDE

Fabio Lamborghini è uno degli eredi del brand automobilistico che è entrato nell'immaginario collettivo come lo stemma di un'epoca di grande fervore industriale: gli anni Sessanta del secolo scorso. Per circa vent'anni si è dedicato alla direzione del Museo storico di famiglia: inaugurato nel 1995, in onore del visionario Ferruccio Lamborghini. Il museo ripercorre tutte le tappe salienti del marchio del toro: un excursus di grande impatto emozionale per tutti gli appassionati delle auto sportive di lusso. Fabio, nipote di Ferruccio Lamborghini, lavora con passione e dedizione nel tramandare al pubblico i valori che hanno segnato la storia della sua famiglia. Il BullDays è un elogio di un visionario che ha amato il proprio lavoro, perchè "nel mondo nulla di grande è stato creato senza passione". Quest'evento acquisterà ancor più valore con la testimonianza diretta di Fabio Lamborghini.

IL TORO CHE É DIVENTATO LEGGENDA